Ride – This Is Not A Safe Place

Per quanto ci si provi, soprattutto se si è nati nei primi anni ’80, è impossibile non collegare il nome della Creation Records all’ondata di britpop che travolse prima l’Inghilterra e poi il resto del mondo. A...

Pere Ubu – The Long Goodbye

Essere Pere Ubu significa aver vissuto a cavallo tra una sperimentazione ancora vergine negli anni ‘70, rivolta verso la letteratura e un punk che alla fine di quegli anni spazzò via tutto. Essere i Pere Ubu si...

Of Monsters And Men – Fever Dream

Nonostante nel 2011 fosse davvero impossibile non essere investiti da “Little Talks”, negli anni a venire ho sempre associato le atmosfere degli Of Monsters And Men a “Dirty Paws”. Non che si tratti di due trac...

Bedouine – Bird Songs Of A Killjoy

Una tra le teorie più note sull’ascolto, elaborata dal musicologo francese Jean Molino, prende in considerazione tre differenti momenti: la creazione (o poiesis), l’opera in sé (fase neutra) e la percezione (ai...

Kate Tempest – The Book Of Traps And Lessons

Leggere un disco è: un’impresa folle, un pensiero illogico o una sinestesia? Nella prima pagina di “Let Them Eat Chaos”, la versione “impaginata” dell’omonimo album di Kate Tempest del 2016, sotto la traduzione...

Flying Lotus – Flamagra

Non c’è bisogno di tele trasportarsi nel 2054: Flying Lotus se lo immagina già da un po’ di tempo, seduto su quella sedia di pelle e ferro descritta da Raffaele Costantino in uno degli episodi di “Storia di una...

Black Mountain – Destroyer

Quand’è stata l’ultima volta che hai fatto qualcosa per la prima volta? È plausibile ipotizzare che quella sensazione di umana libertà primitiva abbia aperto scenari prepotentemente nuovi nella testa di Stephen...

Bruce Springsteen – Western Stars

Che strani compagni di viaggio sono i pensieri sperduti, la malinconia, la solitudine, l’immaginazione. Si insinuano nella mente come serpenti e scendono a fondo, paralizzano, inquietano, fanno osservare tutto ...

Charlie Cunningham – Permanent Way

L’esperienza del recupero di un piacere primordiale che riesce a compiere il materiale sonoro risiede principalmente nella sua essenza primaria di meta-comunicazione, unica, storica, imprevedibile e non totalme...

Bruce Springsteen: 35 anni di Born In The U.S.A.

Non i primi tre album, di cui due passati quasi in sordina, non “Born To Run” né “The River”, per quanto gli avessero dato già una dose consistente di successo mondiale, neanche “Nebraska”, non era quello il ...

Orville Peck: il fuorilegge emotivo del country

Orville Peck è un artista bizzarro, un fuorilegge emotivo, contornato da un’aura a cavallo tra ironia e mistero. Un hip-cowboy dalla vocalità liquida e sensuale, mascherato come un personaggio pirandelliano, ...

Mavis Staples – We Get By

Nel tentativo di individuare cosa renda così forte l’immagine di Mavis Staples si corre il rischio di vincere le Olimpiadi dell’ovvio. Una voce straordinaria, una risata sorniona e contagiosa, il soul, il blues...

Moby: 20 anni di Play

È il Febbraio del 2000 e Richard Melville Hall, già conosciuto come Moby, si trova in Minnesota quando riceve la telefonata del manager Eric Härle che gli comunica sorprendentemente la prima posizione di Play...

Lamb – The Secret Of Letting Go

In tema d’interazione tra voce e tecnologia, lavori sperimentali e stile caratterizzante, i Lamb si sono sempre difesi a dovere, calcolando anche l’esigua discografia che li accompagna in oltre vent’anni di car...

These New Puritans – Inside The Rose

Quando i These New Puritans debuttarono con “Beat Pyramid”, nel 2008, i gemelli Jack e George Barnett erano ancora dei giovani sperimentatori che provavano a farsi spazio in un’Inghilterra già abbondantemente c...