Rosalía – El Mal Querer

Rosalía è cresciuta. Moltissimo, dall’esordio dello scorso anno appena, orientato su un flamenco più tradizionale a dispetto dell’immagine della Nostra – una specie di versione catalana della più spericolata Be...

Damien Jurado @ Monk, Roma (30/10/2018)

Da due anni Damien Jurado mancava a Roma; e da due anni, forse, Roma mancava a Damien Jurado. L’occasione arriva puntuale però, a supporto dell’album “The Horizon Just Laughed”, ennesimo buonissimo capitolo...

Daughters – You Won’t Get What You Want

Finalmente. Finalmente, in un’annata abbastanza dominata (tanto per cambiare) dal rap e generalmente consacrata a tiepidi entusiasmi, arriva un album dal notevolissimo contenuto infiammabile. Finalmente, al fot...

Thegiornalisti – LOVE

Quando uscì “Fuoricampo”, nell’ormai lontano 2014, eravamo abbastanza felici di avere dinanzi una pop band che aveva evidentemente studiato, nella sua elaborazione leggera, i riferimenti nobili della canzone it...

Marc Ribot – Songs Of Resistance 1942-2018

Qualora non ve ne foste accorti, siamo già alla resistenza. Siamo al punto in cui l'Occidente (limitiamoci a quello, cioè al supposto baluardo della democrazia internazionale) è in mano ai nazionalisti, ai pres...

Riccardo Sinigallia – Ciao cuore

Poi arriva Riccardo Sinigallia. E tiene la solita masterclass su come è possibile fare un cantautorato onestamente pop senza essere ridicolmente radiofonici. E dire che pure lui, come molti di quegli altri, è r...

Noname – Room 25

“My pussy teaching ninth-grade English / My pussy wrote a thesis on colonialism / In conversation with a marginal system in love with Jesus / And y'all still thought a bitch couldn't rap huh?”, Non che ce ne...

Let’s Eat Grandma – I’m All Ears

Da dove cominciare? Dal nome, orripilante, Let’s Eat Grandma – oppure dalla bellezza inversamente proporzionale dell’opera? Dal fatto che Rosa Walton e Jenny Hollingworth, detentrici del progetto in questione, ...

Sectioned – Annihilated

Buonissimo anno per gli esordi, alcune tra le cose migliori ascoltate in generale nel 2018. Prendiamo, nel caso specifico, i Sectioned. Quintetto da Edimburgo che – al netto di un ammorbidimento generale di tut...

Jon Hopkins – Singularity

Qualcuno ha avuto il coraggio di scrivere che Singularity è un’opera meno riuscita del predecessore, “Immunity”, perché più cerebrale: fredda, pensata. Tutti aggettivi che, quando si parla di composizione ad al...

Saba – Care For Me

Ci sono molti nomi nuovi tra le cose migliori pubblicate nel 2018, sinora. Uno di questi, il più clamoroso sul fronte scienza doppia H, è Saba. Questo suo Care For Me non è un’opera prima e lui non è esattament...

Holiday INN – Torbido

Per la musica italiana, in questo momento come forse non accadeva da tempo, Roma rappresenta uno snodo estremamente importante. Consegnate a Milano le chiavi di una scena così rapida da consumarsi anche prima d...