#MySong: “Just Like Honey”, Jesus And Mary Chain

Just Like Honey Jesus And Mary Chain “Psychocandy”, 1985 Quando arriva l’ape regina il mondo si ferma. È un suono vibrante ad annunciarla, è il suo portamento da diva: è il richiamo, è il miracolo della na...

#MySong: “Isolation”, Joy Division

Isolation Joy Division “Closer”, 1980 Ian ha un occhio chiuso e l’altro bagnato. Si è barricato a chiave nella sua stanza. Ha praticato la solitudine, ha ascoltato musica autodistruttiva, ha scarabocchiato...

#MySong: “Non-Alignment Pact”, Pere Ubu

Non-Alignment Pact Pere Ubu “The Modern Dance”, 1978 Scappa via. Con i suoi jeans attillati sporchi di grasso. Con il suo berretto di lana grezza. Lei danza, saltella sulle dita con una velocità impression...

#MySong: “Beetlebum”, Blur

Beetlebum Blur “Blur”, 1997 Due amanti, gelosi all’inverosimile. Si strapperebbero i capelli a vicenda se uno dei due tradisse l’altro. Si farebbero a pezzi a mani nude, inscenerebbero una tragedia greca. ...

Rock Lit: libri, chitarre e un mondo da preservare

Dal momento in cui la parola ha assunto un ruolo centrale, paritario o giù di lì rispetto alla musica, l’incontro tra rock e letteratura è stato naturale, spontaneo; parte dell’armamentario a cui i cantautori...

#MySong: “Blindsided”, Bon Iver

Blindsided Bon Iver “For Emma, Forever Ago”, 2008 Si è detto tutto di quando Justin Vernon si rifugiò in una baita di montagna nel Wisconsin. Si è detto che un artista in solitudine è più forte, gestisce m...

#MySong: “Roads”, Portishead

Roads Portishead “Dummy”, 1994 “Oh, nessuno può vedere” – canta Beth. Lei è dentro un’auto. Le strade s’attorcigliano, nere come serpenti che s’accoppiano. Nessuno può vedere, canta Beth. Che peso ha la so...

I due giorni di David

Solo lui. Solo lui poteva riuscirci. Solo lui poteva sovvertire il senso comune, crearne uno nuovo. Solo David Bowie poteva allungare Gennaio, allungare la nostra voglia di infantilismo. Appiccicati col naso ...

#MySong: “What Do I Get?”, Buzzcocks

What Do I Get?Buzzcocks“What Do I Get?” - Singolo, 1978 Che cattivi questi punkettoni! Facce orride, vestiti sdruciti, unghie pitturate e anelli dappertutto. Ciondolano per la città con denti mar...

Giardini di Mirò: il segno del tempo

L’ultima volta, Corrado Nuccini ce l’avevo al telefono per ragioni non convenzionali: tornavo in aereo a Roma da Catania e nel posto accanto al mio, seduto come un compagno di viaggio, ci stava il suo borsali...

#MySong: “New Year’s”, Codeine

New Year's Codeine “Frigid Stars”, 1990 Il rock non ha regole. Anzi no, ne ha una: se qualcuno da qualche parte lo fa in un modo, qualcun altro da qualche altra parte ne proporrà una versione opposta. La s...

Giardini di Mirò – Different Times

Sei anni sono un soffio, anzi no. Non lo sono più. Ormai sei anni sono come dieci, quindici, venti in questo pasticcio di mondo chiamato modernità. Sei anni fa “Good Luck” dei Giardini di Mirò era una sorta di ...

#MySong: “A Horse With No Name”, America

A Horse With No Name America “America”, 1972 Ti chiami America, fuori ci sono gli anni Settanta. Ti piace fare il rock‘n’roll. Tre ragazzi inglesi con i padri nati negli Stati Uniti. Il sole della West Coa...

#MySong: “Happy And Bleeding”, PJ Harvey

Happy And Bleeding PJ Harvey “Dry”, 1992 Il frutto diventa maturo, s’ingrossa. Pareti di buccia tese come elastico. Ribollire e profumo di vita. Poi però esplode il succo, anzi implode. Il frutto si stacca...