Home EXTRA ANNIVERSARI Joy Division: 40 anni di Closer

Joy Division: 40 anni di Closer

La puntina scorre lungo i solchi di “The Idiot” di Iggy Pop. “Stroszek” di Werner Herzog ha da poco mandato i suoi titoli di coda. Ian Curtis si sposta nella cucina della sua casa di Macclesfield, nel Cheshire, scrive qualche riga indirizzata alla moglie Deborah e poi il buio, pone definitivamente fine alle sue sofferenze fisiche e psichiche. Impiccandosi. Era il 18 Maggio del 1980, Ian non aveva neanche ventiquattro anni e nessuno di coloro che lo conoscevano davvero poteva rimanere sorpreso da un tale epilogo, il suo patire era diventato infernale, insopportabile, l’epilessia che lo tormentava, i sensi di colpa nei confronti di Deborah, il guscio di solitudine in cui s’era sepolto, le difficoltà sempre più insistenti riscontrate nell’unica cosa − scrivere i testi delle sue canzoni − che fungeva almeno un po’ da pallido placebo per una condizione a dir poco precaria. La morte, un’amante con cui Ian flirtava da sempre, di cui non si spaventava a parlare, e che alla fine l’ha fatto prematuramente suo.

Esattamente due mesi dopo esce Closer, l’album su cui tra pochi alti e un’infinità di bassi Ian Curtis e i Joy Division avevano iniziato a lavorare già subito dopo l’uscita di “Unknown Pleasures” (1979). Ed è un testamento il secondo e ultimo lavoro della formazione inglese, non soltanto perché banalmente uscito a ridosso della morte di Curtis, ma piuttosto per il ritratto incredibilmente coerente alla realtà e tristemente lucido dei demoni di un uomo, un ragazzo afflitto senza apparente via d’uscita. Una via d’uscita che, anche ci fosse stata, lui stesso aveva deciso di rendere definitiva, ben prima di quel giorno di metà Maggio.

È soffocante “Closer”, è un lago nero e denso come la pece da cui emerge un Ian Curtis tremendamente ispirato nel descrivere la sua disillusione verso la gente (Atrocity Exhibition), il suo isolamento malsano che lo fa vergognare della persona che è diventato o che forse è sempre stato (Isolation), il suo chiedersi cosa potrà mai esserci in un inquietante “dopo” (Passover, il trapasso ormai inequivocabilmente prossimo); e ancora lacerante solitudine (Colony), pagine e pagine di rimpianti (A Means To An End) e poi immaginare come sarebbe stata la sua stessa cerimonia funebre (The Eternal), fino alla lunga e lugubre marcia verso l’inevitabile (Decades).

È soffocante “Closer”, perché Curtis non nasconde neanche un grammo del macigno che incombe sulla sua anima, ma anche perché rispetto ad “Unknown Pleasures” i Joy Division si fanno qui per mano del produttore Martin Hannett ancora più minimali, più riverberati, più compassati, robotici, sintetici, marziali, accompagnando e acuendo a dismisura il senso delle parole di Ian. Stephen Morris e Peter Hook mettono in piedi una delle sezioni ritmiche più seminali della storia del rock, mentre la chitarra di Bernard Sumner − spesso ben più in evidenza della stessa voce baritonale e profonda di Curtis − è una lama che pare infierire sulla sofferenza di Ian. Una sofferenza senza fine che “Closer” impone con violenza.

DATA D’USCITA: 18 Luglio 1980
ETICHETTA: Factory

Emanuele Brunetto
Avvocato mancato, giornalista, programmatore musicale in radio ma soprattutto divoratore compulsivo di musica, presenzialista convinto ai concerti e collezionista incallito di CD e vinili. Fondatore e direttore responsabile de Il Cibicida.