Home EXTRA ANNIVERSARI Pink Floyd: 45 anni di The Dark Side Of The Moon

Pink Floyd: 45 anni di The Dark Side Of The Moon

Il rumore e il suono. Waters telefona ad Alan Parsons con un taccuino zeppo di appunti. Quello a cui pensa è un disco in cui i rumori non siano più simulati come in passato, ma originali e riversati dentro alle canzoni. E allora ticchettii di orologio, tintinnii di monete e il rombo di un aeroplano piombano in studio all’interno di uno dei più importanti concept album della storia. Perché per parlare dell’uomo e del suo lato oscuro, c’è bisogno di fare i conti con tutto ciò che lo circonda. La bramosia per il denaro (Money), la foga del tempo (Time), l’incomunicabilità (Us And Them), così, non sono solo sentimenti intangibili, ma veri totem. E poi c’è la morte, personificata dal canto-gospel celestiale di Claire Torry in The Great Gig In The Sky e che conduce il disco paradossalmente all’immortalità. L’album rimarrà in classifica per quattordici anni, ma soprattutto il prisma penetrato da un fascio di luce poi scomposta nei colori dell’arcobaleno, cover realizzata dal fedele duo grafico degli Hipgnosis, entrerà nelle case di tutto il mondo per oltre cinquanta milioni di volte.

DATA D’USCITA: 1 Marzo 1973
ETICHETTA: Harvest / Capitol

Riccardo Marra
Giornalista e autore, scrive per RAI e Mucchio Selvaggio. Qualche volta anche speaker radiofonico e blogger. Fondatore de Il Cibicida.