Il Teatro degli Orrori @ Barbara Disco Lab, Catania (26/03/2016)

ilteatrodegliorrorilivecatania2016

Dite quello che volete, a Il Teatro degli Orrori. Ditegli che la vena – ed è vero – è andata scemando dopo i primi due capitoli della saga. Prendetevela con lo sproloquio di Capovilla, dategli del fanfarone, fatene l’imitazione. Crocefiggeteli per la boria, chiamateli antipatici o glorificateli ad libitum. Ma non negatene, per cortesia, la capacità d’imbastire un live show.

Animali notturni da palcoscenico, i Nostri fanno il loro ingresso sul palco del Barbara Disco Lab di Catania a ridosso della mezzanotte, alzando decibel e temperatura – fredda, specie a queste latitudini – in un baleno. Lontanissima – più che corretto – dall’idea di regalare agli astanti un succulento best of, la band mette sul piatto principalmente portate dall’ultima, omonima fatica. E allora via con Disinteressati e Indifferenti, La paura, Cazzotti e suppliche pur fino al primo, magnificato sussulto pescato dal passato: È colpa mia.

Difficile nascondersi e negare che con Padre nostro, A sangue freddo, ma soprattutto col trittico Compagna Teresa, Non vedo l’ora e Scende la notte, l’asticella compositiva e partecipativa del lotto si alzi di netto. Senza dimenticare, tuttavia, la potenza invidiabile dell’intera performance. Il sestetto saluta il pubblico prima di un’outro che conta ben due epiloghi da altrettante prove su disco: Maria Maddalena e Vivere e morire a Treviso.

L’impianto continua a fischiare, pian piano sale altra musica e si accendono le luci. Politico come pochi e fedele, se non altro, a una linea che c’è e non si fa fatica a vedere, Il Teatro degli Orrori mette in scena una gradita rappresentazione pasquale, sanguinolenta quanto basta e sacrificale quanto serve. Non è un caso continui a mietere vittime e riscuotere, non soltanto dal vivo, un certo meritato successo.