Home RECENSIONI ITALIA Giorgio Ciccarelli – Le cose cambiano

Giorgio Ciccarelli – Le cose cambiano

lecosecambianoUn anno fa il divorzio tra Giorgio Ciccarelli e gli Afterhours fu una notizia clamorosa nel mondo del rock italiano, ma la dolorosa rottura del sodalizio artistico non ha impedito al talentuoso chitarrista di rimettersi prontamente all’opera, stavolta in veste solista. L’improvvisa separazione ha segnato innegabilmente la genesi del disco (a cominciare dal titolo, Le cose cambiano), dove Ciccarelli ha trasformato con approccio costruttivo la rabbia in creatività.

Nonostante queste premesse, è davvero sorprendente come l’artista milanese (che oltre alla militanza negli Afterhours fu leader degli ottimi Sux!) sia riuscito a confezionare un album così brillante in un lasso di tempo così breve. La caratteristica principale del disco? Probabilmente il suono ruvido ma mai sporco, all’interno del quale le melodie emergono nella loro bellezza.

Ed è proprio questo il punto: al netto di tutti i sacrosanti discorsi riguardo la fase preparatoria dell’album, rimane il fatto di trovarsi davanti ad un lavoro in studio ben confezionato e con una densità di qualità innegabile. Tanti i momenti da ricordare: il trascinante ritornello di Tu sei l’onda, l’irresistibile riff finale di Più vicino e la forza del primo singolo Venga il mio regno ci consegnano infatti un rock tirato e convincente, cosa non tanto frequente nel panorama italiano.

Non da ultimo va segnalato l’eccellente artwork con il quale Ciccarelli ha voluto effettivamente dare un valore aggiunto all’album nel suo formato fisico (tredici disegnatori di fumetti coinvolti, più il fondamentale apporto di Tito Faraci: mossa intelligente in un periodo in cui Spotify spopola). Nonostante vada per i 49 anni è dunque lecito parlare di esordio solista più che promettente: il coraggio di rimettersi subito in gioco è stato premiato.

(2015, XXXV)

01 Venga il tuo regno
02 Tu sei l’onda
03 La quadratura del cerchio
04 Le cose cambiano
05 Più vicino
06 Non puoi tradire un amico
07 Trasparente
08 Questo sì che sarà un no
09 La tua prigione
10 Amore: è una parola
11 La vita in generale
12 Non c’è risposta

IN BREVE: 3/5

Karol Firrincieli
Una malattia cronica chiamata britpop lo affligge dal lontano 1994 e non vuole guarire. Bassista fallito, ma per suonare da headliner a Glastonbury c'è tempo. Nell'attesa lavora come farmacista, quando può viaggia per il mondo verso mete ricercate e scrive con passione per Il Cibicida dal 2009.