I nostri Feed RSS  Il Cibicida su Facebook  Il Cibicida su Twitter  Il Cibicida su Google+  Il Cibicida su Instagram  Il Cibicida su Twitter  Il Cibicida su YouTube  Il Cibicida su MySpace  Il Cibicida su FriendFeed  Il Cibicida su Soundcloud  Il Cibicida su Last.fm

Gruff Rhys – Hotel Shampoo

Nel 1976 gli Eagles danno alle stampe il loro capolavoro, “Hotel California”, il cui omonimo singolo scriverà una delle pagine più importanti e seminali della storia del rock americano. Trentacinque anni più tardi, Gruff Rhys, già voce e chitarra degli apprezzatissimi Super Furry Animals, replica, idealmente e a suo modo, allo spiritualismo on the road della band losangelina (magistralmente immortalato, a parere di chi scrive, nella strofa finale della sopra citata hit: ”Relax, said the nightman,  we are programed to recieve. You can check out any time you like, but can never leave”) con un album dal titolo fortemente evocativo: Hotel Shampoo. L’interrogativo è quello di sempre: che fare quando confinati all’interno di un ambiente momentaneo, quale può essere la stanza di uno sperduto albergo, ci si ritrova al cospetto di se stessi? Da questo complesso grattacapo l’artista gallese non ne ha cavato fuori solo i tredici pezzi che formano il terzo capitolo della sua carriera da solista (dopo “Yr Atal Genhedlaeth” del 2005 e “Candylion” del 2007), ma anche una pregevole collezione di mini-shampoo, trasformatasi successivamente in una vera e propria installazione (l’opera è attualmente esposta presso il Chapter Arts Centre di Cardiff). Messi da parte, quindi, i cliché da rockstar in trasferta, è tempo di svitare ad uno a uno i tappi di queste deliziose boccette scivolose e annusarne l’inebriante essenza, modellata intorno a parabole pinkfloydiane della prima ora (Christopher Columbus) e a traghettate transoceaniche targate Flaming Lips (Sensations In The Dark) che fanno da sfondo agli episodi più convincenti del disco: Vitamin K, Take A Sentence e At The Heart Of Love; brani estrinseci di una dimensione cantautoriale di assoluto livello che rimanda direttamente a personaggi del calibro di Badly Drawn Boy e David Gray. Deliziosa antologia di suoni colorati il cui ascolto è consigliato a tutti coloro che fanno fatica a disfare le valigie dei ricordi.

(2011, Turnstile / Wichita)

01 Shark Ridden Waters
02 Honey All Over
03 Sensations In The Dark
04 Vitamin K
05 Take A Sentence
06 Conservation Conversation
07 Sophie Softly
08 Christopher Columbus
09 Space Dust #2
10 At The Heart Of Love
11 Patterns Of Power
12 If We Were Words (We Would Rhyme)
13 Rubble Rubble

A cura di Dj Palude

CATEGORIA: RECENSIONI

TAG: