Home RECENSIONI Lomelda – Hannah

Lomelda – Hannah

Quinto album in studio per Lomelda. Primo a portare il suo vero nome, Hannah. Primo a essere segnalato tra i migliori dischi dell’anno dai colleghi di Pitchfork. Con un certo merito, per carità, ma probabilmente anche con troppi peccati sulla coscienza per accedere al regno dei cieli.

La cantautrice texana di base a Los Angeles mette a punto un’opera che, in avvio, sembra sinceramente destinata al clamore. Dopo un abbrivio volutamente incerto la prima traccia, Kisses, apre i battenti con un colpo da novanta. Un pezzo squisitamente, melanconicamente indie-folk-pop ch’è appunto come ciò che narra: un bacio inatteso, insperato, dolcissimo. La successiva Hannah Sun non compromette le buone sensazioni di cui sopra, ma è soprattutto la splendida Wonder a tenere alta l’attenzione emotiva col suo mantra: “When you get it give it all you got you said”.

Tendenzialmente, tutta l’opera può dividersi in tre categorie di canzoni. Bellissime, belle o insipide. Le tre sopracitate appartengono alla prima chiesa, nella quale s’inscrivono meritatamente anche Reach, It’s Infinite e Tommy Dread. Siamo, per intenderci, dinanzi a composizioni che ultimamente sono uscite solo dalla penna di Adrianne Lenker – ancora non abbastanza incensata in Italia. Solo che restano fuori, dalla conta, ben otto sorelle di cui almeno tre non necessarie (i riempitivi Sing For Stranger, Stranger Sat By Me, Both Mode). Un po’ troppo per aspirare ad esempio, repetita iuvant, al livello del magnifico “Two Hands” dei Big Thief.

“Hannah”è un LP onesto, che mostra insieme potenzialità e lacune di una songwriter indubbiamente dotata ma forse ancora alla ricerca di una quadratura del cerchio più compiuta, più solida. È proprio una questione materica, fisica, reale. Come d’altronde materiche, fisiche e reali restano anche le cose belle (anzi: bellissime) fin qui compiute. Giusta osservazione. Liberi di ascoltare, concordare, dissentire.

(2020, Double Double Whammy)

01 Kisses
02 Hannah Sun
03 Sing For Stranger
04 Wonder
05 Polyurethane
06 Reach
07 It’s Lomelda
08 Stranger Sat By Me
09 It’s Infinite
10 Hannah Happiest
11 Both Mode
12 Big Shot
13 Tommy Dread
14 Hannah Please

IN BREVE: 3,5/5

Michele Leonardi
Michele Leonardi è nato. Vive, persino; da qualche parte. Per il resto, si affida momentaneamente a Sereni: “Nulla nessuno in nessun luogo mai”.