Niccolò Fabi – Una somma di piccole cose

unasommadipiccolecoseChiudersi a riccio perché se ne sente il bisogno. Affidare tutto alla musica. L’isolamento come forma di schermo dal mondo. Niccolò Fabi lo ha fatto: ha comprato una casa nelle campagne di Roma Nord, ha acceso un laptop, spolverato un piano e una chitarra e, soprattutto, s’è guardato dentro. In solitudine.

Una somma di piccole cose è il disco che racconta questo distacco, un album in cui si annulla tutto e si ricomincia da zero. Il pop, i pezzi facili o facilitati, il cantautorato italiano, la scena romana. Tutto spazzato via. Tra le mura di questo covo fioriscono, invece, le migliori canzoni mai scritte da Fabi perché increspate dalla tensione giusta, dall’arte della musica e della complessità. Pezzi acustici ma non solo, testi che illuminano come il raggio di prima mattina, canzoni che si concedono il gusto di deragliare continuamente dall’iniziale traccia segnata. E di essere suonate bene.

Successe la stessa cosa a Justin Vernon (Bon Iver), quando con “For Emma, Forever Ago” raccontò di un amore avvizzito, ma soprattutto della reazione che può avere un artista di fronte al senso del vuoto. Fabi arpeggia emotivamente, canta con lo stomaco (Ha perso la città), vola atmosferico (Filosofia agricola) e poi cade in picchiata su ogni parola cantata (Le cose non si mettono bene).

E per chi è abituato a vederlo con quella sua faccia pulita, mostra invece un volto tumefatto e pessimista. Un volto da curare così come un cuore. “Facciamo finta che posso schioccare le dita e in un istante scomparire” – canta chiudendo la porta della sua capanna. E se Una mano sugli occhi rischia i territori del pop, ma poi nel finale ci regala dei momenti di splendido strumentalismo, il finale disco con Vince chi molla è il manifesto perfetto di quello che vorremmo sempre dalla musica italiana: ispirazione, ombre, luci. Paura e reazione. Bellezza.

(2016, Universal)

01 Una somma di piccole cose
02 Ha perso la città
03 Facciamo finta
04 Filosofia agricola
05 Non vale più
06 Una mano sugli occhi
07 Le cose non si mettono bene
08 Le chiavi di casa
09 Vince chi molla

IN BREVE: 4/5