Home RECENSIONI No Age – Goons Be Gone

No Age – Goons Be Gone

Il duo di Los Angeles formato dal chitarrista Randy Randall e il cantante e batterista Dean Spunt festeggia quindici anni di attività pubblicando il proprio quinto lavoro in studio. Difficilmente classificabili, mescolano noise rock e art punk, il quale a sua volta comprende la musica d’avanguardia, la furia del punk rock e le sonorità sporche tipiche del garage rock. In questo Goons Be Gone i musicisti hanno posto anche qualche accento in direzione dream pop e shoegaze, rimanendo comunque coerenti con le loro produzioni precedenti.

L’energico riff di batteria di Sandalwood apre le danze efficacemente, facendo un tuffo negli anni Sessanta e rievocando il rock‘n’roll dei primi Rolling Stones con l’aggiunta di un pizzico di Velvet Underground. Il ritmo aumenta ancora nella successiva Feeler, per poi quietarsi con la batteria e i synth leggeri dell’atmosferica Smoothie, brano interessante che rimanda allo shoegaze dei Blue Foundation e al dream pop dei Broadcast. Il breve intermezzo Working Stiff Takes A Break cede il passo al ritmo indiavolato della dinamica War Dance. Si prosegue con la traccia strumentale distorta e noisy Toes In The Water, la frenesia di Turned To String, altro brano di punta del disco, e la straniante A Sigh Clicks, che incorpora elementi noise e ambient.

È poi la volta della più sperimentale e psichedelica Puzzled, traccia particolare anche se non completamente riuscita (dei suoi quattro minuti sono sufficienti i primi due), e del rush finale dell’ipnotica e nervosa Head Sport Full Face, caratterizzata da incalzanti riff di chitarra, perfetta anticamera per il più classico garage rock della conclusiva e orecchiabile Agitating Moss. “Goons Be Gone” non raggiunge il livello del suo predecessore “Snares Like A Haircut” (2018), ma è un buon lavoro equilibrato nel quale la coppia Spunt-Randall sperimenta nuovi suoni, regalando qualche chicca ai fan più affezionati e riconfermando la propria bravura.

(2020, Drag City)

01 Sandalwood
02 Feeler
03 Smoothie
04 Working Stiff Takes A Break
05 War Dance
06 Toes In The Water
07 Turned To String
08 A Sigh Clicks
09 Puzzled
10 Head Sport Full Face
11 Agitating Moss

IN BREVE: 3,5/5

Martina Vetrugno
Studentessa di ingegneria informatica, musicofila, appassionata di arte, letteratura, scrittura e tante altre (davvero troppe) cose. Parla di musica su Il Cibicida, Indiementia e con chiunque incontri sulla sua strada o su un regionale (più o meno) veloce.