Home RECENSIONI EXPRESS Officina della Camomilla – Palazzina Liberty

Officina della Camomilla – Palazzina Liberty

palazzinaliberty

Convincente rock a 360° per la band milanese, ormai piacevole realtà nazionale alle prese con uno stravolgimento della line-up. Ancora da affinare qualche linea melodica, ma in compenso i ragazzi suonano divinamente: eccellenti le strumentali Exit e Altri posti (minimale la prima, indianeggiante la seconda: il livello rimane alto), molto bene anche Palazzina Liberty ed Ex-Darsena, dove l’influenza dei The War On Drugs appare fin da subito davvero pesante: va benissimo così.

(2016, Garrincha)

01 Intro Omni
02 Palazzina Liberty
03 Underpass
04 Penelope
05 Exit
06 Mio fior pericoloso
07 Triangolo Industrial
08 Ex-Darsena
09 Macchina metallica
10 Soutine Twist
11 Noise sull’oceano
12 Signora del mare
13 Altri posti

IN BREVE: 3,5/5

Karol Firrincieli
Una malattia cronica chiamata britpop lo affligge dal lontano 1994 e non vuole guarire. Bassista fallito, ma per suonare da headliner a Glastonbury c'è tempo. Nell'attesa lavora come farmacista, quando può viaggia per il mondo verso mete ricercate e scrive con passione per Il Cibicida dal 2009.