Home RECENSIONI EXPRESS Tiger! Shit! Tiger! Tiger! – Corners

Tiger! Shit! Tiger! Tiger! – Corners

Giunti al terzo lavoro sulla lunga distanza, i Tiger! Shit! Tiger! Tiger! hanno deciso di prendere in parte le distanze da quanto fatto finora: se nell’esordio “Be Yr Own Shit” (2008) pagavano pegno al post punk e alla no wave, in questo Corners si rifanno sotto con una bella dose di indie a stelle e strisce ‘80/’90. Lo stesso di “Forever Young” (2013), ma lì c’era più ricerca di soluzioni matematiche e cervellotiche, mentre qui le undici tracce sono decisamente più immediate, accessibili (anche per la durata, ridotta rispetto al precedente disco), vanno dritte al sodo come Weird Times, Silver, Sacramento o Blowing, fra Dinosaur Jr. e Pavement passando per i Nirvana più ruvidi, con quell’artwork grondante provincia americana che la dice più lunga di qualsiasi comunicato stampa.

(2017, To Lose La Track)

01 Weird Times
02 Shameless, Pt. 1
03 Silver
04 Sacramento
05 Highland Park
06 Teen Fever
07 Holidays
08 Blowing
09 Further
10 Girls
11 Shameless, Pt. 2

IN BREVE: 3,5/5

Emanuele Brunetto
Avvocato mancato, giornalista, programmatore musicale in radio ma soprattutto divoratore compulsivo di musica, presenzialista convinto ai concerti e collezionista incallito di CD e vinili. Fondatore e direttore responsabile de Il Cibicida.