Home NEWS CONCERTI Interpol: una data in Italia

Interpol: una data in Italia

LA BAND PIÙ IMPORTANTE DEL REVIVAL WAVE, DOPO I SUCCESSI DEGLI NME AWARDS TOUR E DI GLASTONBURY, È PRONTA AD IPNOTIZZARE, NUOVAMENTE, L’ITALIA!

DAL 10 LUGLIO IL SINGOLO ALL THE RAGE BACK HOME
IL 9 SETTEMBRE ESCE IL NUOVO ALBUM EL PINTOR

INTERPOL

“Remember why Interpol rules”
- Vice
“Anxious, atmospheric post-punk” – Rolling Stones
“A return to a sound that strikes hard and fast” – Consequence of Sound

VENERDÌ 30 GENNAIO 2015
MILANO @ FABRIQUE
Prezzo Biglietti: Posto Unico € 33,00 + diritti di prevendita
Apertura Porte: 19:00 Inizio Concerto: 21:00

Biglietti disponibili dalle 10 di giovedì 17 luglio in esclusiva per gli iscritti al Vivo Club e al Superflash Live Vivo Club, dalle 10 di venerdì 18 luglio su ticketone.it, dalle 10 di sabato 19 luglio in tutti i punti vendita Ticketone, dalle 10 di lunedì 21 luglio in tutte le altre rivendite autorizzate.

Prevendite Autorizzate:
Ticketone – www.ticketone.it – 892.101
Vivaticket – www.vivaticket.it – 892.234
Ticket.it – www.ticket.it – 02.54271

L’organizzatore declina ogni responsabilità in caso di acquisto di biglietti fuori dai circuiti di biglietteria autorizzati non presenti nei nostri comunicati ufficiali.

A distanza di tre anni e mezzo dall’ultima apparizione live in Italia e con nuovo album – El Pintor – in uscita il 9 settembre, gli Interpol suoneranno al Fabrique di Milano il prossimo 30 gennaio 2015.

interpolnewsAnticipato dal singolo All the Rage Back Home, in radio dal 10 luglio, El Pintor è il quinto album della band newyorkese, è stato registrato agli Electric Lady Studios and Atomic Sound a New York e tutti i brani sono stati scritti e prodotti dalla band.

Nel disco sono presenti numerose collaborazioni prestigiose tra cui Brandon Curtis (The Secret Machines) alle tastiere in nove canzoni, Roger Joseph Manning, Jr. (Beck) alle tastiera in Tidal Wave e Rob Moose (Bon Iver) alla viola e al violino in Twice as Hard.

La formazione attuale è composta da Daniel Kessler (chitarra), Samuel Fogarino (batteria), e Paul Banks (voce, chitarra) questa volta anche utilizzato come bassista.

Attivi dal 1998, gli Interpol sono la band che più di tutte ha incarnato la rinascita della new-wave e, soprattutto con i primi due dischi Turn Off The Bright Lights (2002) e Antics (2004) (idolatrati da Pitchfork ad NME, passando per Mojo ed Uncut), hanno stabilito i canoni per aggiornare quelle sonorità tipiche di fine anni ’70 ed inizio ’80 del rock alternativo che fecero la fortuna di The Cure, Echo And The Bunnymen e Joy Division. Con il passare degli anni, gli Interpol, a loro volta, sono stati presi come band di riferimento della nuova ondata new-wave tra cui spiccano Editors, White Lies, The National, Two Door Cinema Club.

Dopo un terzo album di passaggio, Our Love To Admire (2007), gli Interpol hanno deciso di autoprodursi il loro quarto ed omonimo album, uscito nel settembre 2010 e mixato con l’aiuto del mago Alan Moulder (Depeche Mode, Placebo, Nine Inch Nails, White Lies). Quello che esce da Interpol è il classico suono della band: rock oscuro, orchestrale, ipnotico, ricercato ma di presa diretta grazie all’apporto delle melodie vocali sempre limpide e schiette.