Home NEWS DALLA RETE Kate Bush e il Coachella non si vogliono

Kate Bush e il Coachella non si vogliono

Un recente articolo del The New Yorker, incentrato su Paul Tollet, uno dei fondatori del Coachella, ha svelato un particolare retroscena su quella che sarebbe potuta essere la prima apparizione dal vivo di sempre di Kate Bush su suolo americano. Stando all’articolo, che riporta le parole di Marc Geiger dell’agenzia William Morris Endeavour, la Bush sarebbe stata proposta agli organizzatori del festival, che avrebbero declinato l’offerta con un laconico “No! Nessuno sarebbe in grado di capirla”. Qui di seguito l’estratto integrale dall’articolo:

In addition to curating the lineup, Tollett had booked the hundred and fifty acts himself, negotiating all the offers with agents—a six-month process. He also fielded a lot of pitches that he had to turn down. Geiger, of W.M.E., described their working method: “I’ll say, ‘Kate Bush!’ And he’ll go, ‘No!,’ and we’ll talk through it. I’ll say, ‘She’s never played here, and she just did thirty shows in the U.K. for the first time since the late seventies. You gotta do it! Have to!’ ‘No! No one is going to understand it.’ ”

La Bush, che è tornata a esibirsi dal vivo per la prima volta dal 1979 solo nel 2014 in una serie di show londinesi finiti poi sul disco live “Before The Dawn” dello scorso anno, è intervenuta sulla faccenda tramite i suoi rappresentati smentendo categoricamente di aver mai avuto contatti con gli organizzatori del Coachella, né di aver mai preso in considerazione la possibilità di salire su altri palchi dopo quelli di Londra. Ecco la dichiarazione:

It was never Kate’s intention to play any more shows than she did in London. The show was conceived for a very specific type of venue. No discussions were ever had with Kate about playing any festival, including Coachella.