Home NEWS CONCERTI Local Natives ancora in Italia a Novembre

Local Natives ancora in Italia a Novembre

COMCERTO è lieta di annunciare le date autunnali dei LOCAL NATIVES

La band californiana tornerà in Italia a Novembre:

Sabato 9 Novembre
Bologna – Estragon Club
Via Stalingrado 83, 40128 Bologna
Biglietto: euro 20,00 + d.p.

Lunedì 11 Novembre
Roma – BlackOut Rock Club
Via Casilina 713, 00177 Roma
Biglietto: euro 18,00 + d.p.

Prevendite attive da Venerdì 15 Febbraio ore 10:00 sui circuiti www.ticketone.itwww.vivaticket.itwww.bookingshow.it

Mentre si va verso il sold out per l’unica data italiana in programma il prossimo 28 Febbraio al Tunnel Club di Milano, i Local Natives confermano il loro ritorno nella stagione autunnale! Hanno da poco pubblicato il loro attesissimo secondo album Hummingbird per la PIAS anticipato dal singolo intitolato Breakers. Impegnati nel tour che toccherà l’Europa, il Regno Unito e gli Stati Uniti, hanno da poco annunciato la loro partecipazione ai più importanti Festival: Coachella, Primavera Sound 2013, Governors Ball a New York. Sono successe molte cose nel tempo che intercorre tra i due album, Gorilla Manor, che, come ricorderete, è stato acclamato dalla critica e considerato Best New Music Debut Album e Hummingbird. Tra recensioni entusiastiche e spettacoli televisivi, Gorilla Manor ha lanciato la band sulla scena mondiale, li ha visti headliner  in tutta l’America e in Europa, nonché supporter di band come Arcade Fire e The National, ospiti dei maggiori festival di tutto il mondo, con più di 100.000 copie vendute solo negli Stati Uniti. Al termine di questa esperienza on the road, la band si è rifugiata in una sala prove/studio allestita in un bungalow abbandonato a Silverlake, questo ha dato loro la massima libertà nel provare e sperimentare. Quest’esperienza in ultima analisi li ha condotti verso nuove sperimentazioni, sia strumenatali che sonore, presentando una tavolozza musicale più ampia, e sfidandoli a crescere. La band afferma che Hummingbird è nato in un contesto emotivo intrappolato tra due poli opposti. Nei due anni seguenti l’uscita diGorilla Manor, la band ha visto un susseguirsi di alti e bassi che non avevano mai vissuto prima; mentre i loro sogni musicali si realizzavano, i rapporto personali vacillavano. Le canzoni di Hummingbird incarnano questa specie di dicotomia – sono fragili e potenti, ricchi e semplici, carichi di tensione e sicuri di sé. Quando arrivò il momento decisivo di incidere queste canzoni, la band dopo aver iniziato la produzione a Montreal, si è trasferita a Brooklyn, arruolando come co-producer Aaron Dessner (The National), conosciuto durante il tour. E’ la prima volta che incidono fuori della loro California, e proprio questo trasferimento è la fisica manifestazione della loro voglia di lavorare oltre quello che sentono familiare. In effetti Hummingbird è stato proprio quello che ci voleva. Il brillante brano di apertura You & I è il biglietto da visita dell’album, batterie sintetiche, caldi organi e chitarre surfy,  e la firma della band con altissime armonizzazioni. Heavy Feet si sposa bene con battiti di mani e pochi accordi con uno sferzante rullante, ed uno dei più notevoli ritornelli dell’album, mentre Ceilings suona come una canzone dei Fleetwood Mac con basso mixato. Colombia, che è stata scritta in onore della madre di un membro della band, scomparsa improvvisamente lo scorso anno, è la canzone strappalacrime dell’album, una lettera d’amore di un figlio ad un genitore che si sviluppa in una splendida complessità orchestrale attorno un semplice e lamentoso coro.

www.youtube.com/user/localnativesband
www.thelocalnatives.com

Local Natives sono rappresentati in Italia da Comcerto.

Per info: www.comcerto.it – info@comcerto.it