Home EXTRA Burroughs, la cometa nera del rock’n’roll

Burroughs, la cometa nera del rock’n’roll

Quando David Bowie è morto ha lasciato una scia infuocata nel cielo. Era la coda di una cometa. Una stella nera, la sua, che si andava a fracassare sull’atmosfera, ma che indicava la via. Accade qualche volta. Non così spesso, ma accade. Accade che l’arte sia guida. Ispirazione. Folgorazione. Vale lo stesso per la stella di William Burroughs, poeta gigantesco della complessità. Scrittore dell’apertura, del crollo delle convenzioni. Depravato, eroinomane, spregevole genio, la cui letteratura ha dato il via a un paradigma quando ancora stagnava in certi codici. Basti pensare a “Il Pasto Nudo”, storia di esotismi africani, di tossicodipendenza, mostri, parole liquide come il ribollire di una dose. Anno 1959.

Quello che meno si sa della stella nera di Burroughs, però, è che sia stata di ispirazione per una fetta consistente del rock’n’roll dagli anni Sessanta in poi. Ce lo racconta il critico musicale americano Casey Rae nel libro William S. Burroughs e il culto del rock’n’roll, tradotto ed edito in Italia da Jimenez. “Utilizzando frammenti di parole, suoni, immagini – scrive Rae – Burroughs cercava di smantellare il Controllo e i suoi sistemi. Un’attitudine che ha spinto musicisti di vario genere, appartenenti a generazioni differenti, a utilizzare metodi analoghi per dare filo da torcere allo status quo”. Si parte da qui. Dallo status quo che viene smantellato. Si parte da Kurt Cobain che, memore delle elaborazioni linguistiche di “Billy”, scrive in cut-up i testi di un caposaldo come “Nevermind”.

Ma è la droga l’architrave. Il drogarsi. Drogare la vita. Afferrarla per i capelli affogandola in uno stagno. Rae cita “White Light/White Heat” dei Velvet Underground come efficace traduzione dell’effetto di una botta. Lou Reed aveva letto le elucubrazioni di Burroughs ed è riuscito a riportarle in vita meglio di come lo aveva fatto David Cronenberg nella trasposizione cinematografica di “Naked Lunch”. E poi c’è Bob Dylan che un giorno prende per la giacca Allen Ginsberg e gli fa: “Dì a Burroughs che l’ho letto e che credo a tutto quello che dice!”. Dylan aveva bisogno di voltare pagina. Di calarsi in una nuova dimensione. Dylan e Burroughs si incontrano a New York nel 1965, in un piccolo caffè dell’East Village. Burroughs era già un affermato scrittore, un tossico, e considerato dall’opinione generale un depravato ed estremo figlio di buonadonna. Dylan invece un venticinquenne pieno di inquietudine. “Bob era giovane, piuttosto attraente, in un modo spigoloso – dirà più avanti Burroughs – Vestiva un maglione girocollo nero”. Da quell’incontro Dylan inizia a percepire la scrittura come un salto nel buio e la musica come il più mostruoso dei tendoni da circo.

E poi c’è Bowie che dalle conversazioni con Burroughs ottenne l’illuminazione di un periodo nero. Rae cita “Station To Station”, la canzone più occulta e simile alle attività paranormali di Burroughs, che Bowie abbia mai scritto. Dopo l’incontro col maestro, David si tramuta in un cangiante, imprevedibile, agghiacciante piccolo Burroughs, anche se perfettamente padrone di un suo stile. Insomma, chiosa Casey Rae, “quella di Burroughs è un’influenza positiva o negativa?”. È un’influenza e basta, potrebbe essere la riposta esatta. Un virus. Una stigmate. Quanti uomini possono dire di essere stati una stigmate per qualcun’altro? Quanti vantano una scia luminosa al proprio passaggio?

Editore: Jimenez
Anno prima edizione: 2020
Pagine: 360
Prezzo di copertina: 19,00 Euro
Acquistalo su IBSAmazonLa Feltrinelli

View this post on Instagram

Da oggi in libreria!⁠ Un volume strepitoso, un viaggio mai compiuto prima in modo così approfondito e appassionante nelle connessioni tra l’autore più trasgressivo della Beat Generation e i musicisti di mezzo secolo, da David Bowie e Bob Dylan a Patti Smith e Kurt Cobain.⁠ ⁠ "William S. Burroughs e il culto del rock'n'roll" firmato Casey Rae.⁠ ⁠ Analizzando il modo in cui una delle figure letterarie più controverse d’America ha alterato i destini di tanti grandi musicisti, questo libro svela per la prima volta in modo organico e approfondito le trasformazioni nella storia della musica che si possono far risalire a William Burroughs. Eroinomane e omosessuale, Burroughs giunse alla notorietà come un outsider rispetto al mondo letterario convenzionale; il suo capolavoro, Pasto nudo, fu bandito per oscenità, ma la struttura non lineare del romanzo era audace quanto il suo contenuto. Casey Rae sonda l’ascendente di Burroughs sui musicisti più audaci degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta (e oltre), quando divenne una sorta di rito di iniziazione farsi ritrarre accanto all’autore o sperimentare le sue tecniche di cut-up per scrivere testi rivoluzionari. Che si riferiscano all’esplorazione dell’occulto con David Bowie, alle crude raffigurazioni della vita di strada suggerite a Lou Reed o ai consigli dati a Patti Smith su come affrontare la celebrità, le storie raccontate da Casey Rae cambieranno il nostro modo di vedere la rivoluzione culturale in America e di ascoltare la musica che ha prodotto. Dal rock al punk, dall’hip hop alla musica elettronica, dall’industrial all’heavy metal (la cui prima definizione si deve proprio a lui), non c’è genere che non sia stato “toccato” dal genio letterario di William Burroughs, la cui eredità suona ancora forte a più di vent’anni dalla scomparsa.⁠ #jimenezedizioni #novitàinlibreria #williamburroughs #davidbowie #pattismith #bobdylan #kurtcobain #loureed #musicaeletteratura

A post shared by Jimenez Edizioni (@jimenezedizioni) on