Targhe Tenco 2016: di Niccolò Fabi il miglior album

Sono stati comunicati i nomi dei vincitori delle Targhe Tenco 2016, assegnate da una giuria composta da oltre 230 giornalisti. Il premio più prestigioso, quello per il miglio album dell’anno, è andato a “Una somma di piccole cose” di Niccolò Fabi (qui la nostra recensione). In basso trovate tutti i finalisti per ciascuna sezione ed evidenziati in grassetto i vincitori. Le Targhe verranno consegnate ufficialmente agli artisti nel corso del prossimo Premio Tenco, in programma al Teatro Ariston di Sanremo dal 20 al 22 Ottobre.

Album in assoluto dell’anno:

Afterhours – “Folfiri o Folfox”
Gerardo Balestrieri – “Canzoni nascoste”
Vinicio Capossela – “Canzoni della Cupa”
Niccolò Fabi – “Una somma di piccole cose”
Yo Yo Mundi – “Evidenti tracce di felicità”

Album in dialetto:

Almamegretta – “Ennenne”
Claudia Crabuzza – “Com un soldat”
Stefano Saletti & Banda Ikona – “Soundcity. Suoni dalle città di frontiera”
James Senese & Napoli Centrale – “O sanghe”
Daniele Sepe – “Capitan Capitone e i fratelli della costa”

Opera prima:

Patrizia Cirulli – “Mille baci”
Chiara dello Iacovo – “Appena sveglia”
Giorgieness – “La giusta distanza”
Motta – “La fine dei vent’anni”
Andrea Tarquini – “Disco rotto”

Interprete di canzoni non proprie:

Peppe Barra – “E cammina cammina”
Giorgio Canali & Rossofuoco – “Perle per porci”
Francesco De Gregori – “Amore e furto. De Gregori canta Dylan”
Bobo Rondelli – “Bobo Rondelli canta Piero Ciampi”
Peppe Voltarelli – “Voltarelli canta Profazio”

Canzone singola:

Francesco di Giacomo-Paolo Sentinelli – “La bomba intelligente” (Francesco di Giacomo/Elio e le Storie Tese)
Samuele Bersani – “La fortuna che abbiamo” (Samuele Bersani)
Giuliano Sangiorgi-Remo Anzovino – “L’alba dei tram. Canzone per Pasolini” (Mauro Ermanno Giovanardi)
Manuel Agnelli – “Non voglio ritrovare il tuo nome” (Afterhours)
Marco Iacampo – “Pittore elementare” (Iacampo)