Home RECENSIONI Marriages – Salome

Marriages – Salome

salomeI Marriages sono la band in cui milita Emma Ruth Rundle, da noi incensata lo scorso anno per la sua ultima opera solista, “Some Heavy Oceans”. Lo iato di 3 anni che separa “Kitsune”, esordio del gruppo, da questo Salome ha portato con sé diverse novità. In primis, un allontanamento dall’escapismo post rock che impregnava lo stile dei nostri e un avvicinamento a toni oscuri di matrice new wave, soprattutto nei timbri di chitarra. Poi, una Rundle sempre più presente con la sua voce tra le architetture compositive. Ciononostante, “Salome” è un lavoro organico e ben strutturato.

È rimasta intatta l’inclinazione alle dissonanze che inacidiscono il composto sonoro e si contrappongono alle melodie vocali, parecchio lineari e intelligibili. Che tiri un’aria diversa lo testimonia immediatamente il tris iniziale, il taglio è quello della canzone che vola verso ariose aperture in prossimità dei ritornelli (The Liar, Skin, Santa Sangre). La Rundle solista emerge con tutta la sua forza poetica nella dolente e delicata Southern Eye, cavalcata emotiva in mezzo alla tempesta. Gran bel pezzo.

Superata la prima metà, “Salome” non concede grandi novità, si notano la languida Love, Texas che sa molto di A Perfect Circle e l’incandescente maestosità di Less Than.

Lavoro che ha con sé le stigmate dei trascorsi artistici dei tre musicisti, tutte unite in un flusso narrativo lineare, “Salome” ci dice che i Marriages fanno sul serio. Manca loro ancora qualcosa però, quel tocco alchemico che trasmuta l’argento in oro. Arriverà al prossimo giro?

(2015, Sargent House)

01 The Liar
02 Skin
03 Santa Sangre
04 Southern Eye
05 Binge
06 Salome
07 Less Than
08 Love, Texas
09 Contender

IN BREVE: 3,5/5

Marco Giarratana
Starnazza dietro il microfono per la sua band stoner, gli Jussipussi, e spiccherà presto il decollo col suo progetto solista Blackwhale. Sfornella per il suo blog culinario Uomo Senza Tonno e bazzica su Il Cibicida dal 2006.