Home RECENSIONI TesseracT – Polaris

TesseracT – Polaris

polarisIl tesseratto è un ipercubo, ovvero una forma geometrica regolare in un cui una struttura è inserita all’interno di un’altra in modo da generare una moltiplicazione di dimensioni. Nella fattispecie, il tesseratto ha 24 facce bidimensionali quadrate e 8 facce tridimensionali cubiche. A questo concetto di struttura complessa si connette la musica dei TesseracT, quintetto di Milton Keynes, cittadina del Buckinghamshire, in Inghilterra.

Mantenendo intatto l’impianto fondante di “One” e “Altered State”, gli altri due capitoli della loro carriera, i TesseracT mostrano con Polaris grande maturità e una sensibile crescita compositiva. Costruiscono canzoni complesse su basi poliritmiche non disprezzando il riffing spezzato e spigoloso dei Meshuggah, senza però lambire la gelida ferocia del combo svedese (Messenger).

Ciò che rende i TesseracT intriganti è la vena melodica del cantante Daniel Tompkins che, dotato di un timbro cristallino e di un’ottima estensione, appone melodie superlative a brani come Seven Names, Survival, Dystopia. Il resto della ciurma crea scenari sonori affascinanti, fluttuanti nello spazio e intrisi di malinconia crepuscolare.

Non di rado i TesseracT ricordano i SikTh, scevri però di quell’imprevedibile irruenza che li ha resi una band unica nonché ingiustamente dimenticata. Piccola nota a pie’ di pagina: difficile non pensare ai Faith No More di “Epic” nel funky di Utopia.

“Polaris” è ricco di sfumature e compatto, contiene ottime canzoni prodotte con cura certosina dei suoni e scorre fluido nonostante sia un album djent (che, per farla breve, è un progressive metal carico di groove) e per questo non proprio facilissimo. Dategli una possibilità.

(2015, Kscope)

01 Dystopia
02 Hexes
03 Survival
04 Tourniquet
05 Utopia
06 Phoenix
07 Messenger
08 Cages
09 Seven Names

IN BREVE: 4/5

Marco Giarratana
Starnazza dietro il microfono per la sua band stoner, gli Jussipussi, e spiccherà presto il decollo col suo progetto solista Blackwhale. Sfornella per il suo blog culinario Uomo Senza Tonno e bazzica su Il Cibicida dal 2006.