Home RECENSIONI Sunn O))) – Kannon

Sunn O))) – Kannon

kannonÈ un tiepido ritorno in pista quello dei Sunn O))) con Kannon. Stephen O’Malley e Greg Anderson riprendono il bandolo della matassa a sei anni di distanza da “Monoliths & Dimensions”, sebbene in mezzo vi siano stati un album con gli Ulver (il bellissimo “Terrestrials”) e uno con Scott Walker (“Soused”).

È rimasto intatto il senso di imminente catastrofe, vero trademark del duo, ma stavolta qualcosa sembra incepparsi. Nonostante abbia una fluidità narrativa che neanche i capisaldi del gruppo possiedono (“Black One” e “White 1” e “2”) “Kannon” manca della proverbiale brutalità che ha reso i Sunn O))) sovrani di un mondo sonoro al limite dell’asfissia.

Nel tessuto sonoro sono sempre più presenti accordi di feedback che tracciano melodie intelligibili, flussi corali che aumentano la facilità d’ascolto ma che riducono il coefficiente di crudeltà. Neanche gli spoken di Attila Csihar ghermiscono l’ascoltatore gettandolo in un incendio infernale e soltanto nel tono sacrale di Kannon, Pt. 2 si viene avvolti da un’aura sinistra.

Chitarre e bassi scorrono imperterriti come un fiume in fiamme saturando la scena, ma nulla in “Kannon” assume i toni diabolici di “Black One” o sprofonda negli abissi di “Monoliths & Dimensions”. I Sunn O))) continuano a non scendere a compromessi, qualcosa di arcano e ineffabile però s’è perso per strada.

(2015, Southern Lord)

01 Kannon, Pt. 1
02 Kannon, Pt. 2
03 Kannon, Pt. 3

IN BREVE: 3/5

Starnazza dietro il microfono per la sua band stoner, gli Jussipussi, e spiccherà presto il decollo col suo progetto solista Blackwhale. Sfornella per il suo blog culinario Uomo Senza Tonno e bazzica su Il Cibicida dal 2006.