Home RECENSIONI Glitterbust – S/T

Glitterbust – S/T

glitterbustalbumChi pensava che tra le fila dei Sonic Youth quello fissato con feedback e distorsioni fosse Thurston Moore, forse poco a poco dovrà ricredersi. A sentire ciò che i reduci della gioventù sonica hanno partorito dopo aver posto la (definitiva?) parola fine alla loro esperienza congiunta, infatti, c’è da credere che in quanto a “rumori” Kim Gordon vinca su ex marito ed ex compagni senza neanche faticare troppo.

Prima col progetto Body/Head e adesso col nuovo Glitterbust: anche per quest’ultimo si tratta di un duo, con Kim in primo piano accompagnata dal surfista Alex Knost (già chitarrista dei Tomorrows Tulips), ma se nel primo c’era qualche parola a farcire gli strati rumoristici, in Glitterbust ci troviamo invece difronte a poco più di 50 minuti strumentali (giusto una manciata i secondi in cui le voci fanno fugacemente apparizione) suddivisi su 5 tracce. Inevitabilmente il risultato è un qualcosa che va persino oltre la definizione di “esercizio di stile”: ci sono dei passaggi che potrebbero ricordare i Velvet Underground più marcescenti (Erotic Resume), ma in generale si tratta di un’avanguardia che definiremmo persino “post”, dove s’inseguono droni e corde sbilenche a riproporre e reinterpretare quanto riconducibile al concetto di “noise”.

Nonostante la difficoltà nel riconoscergli un’inquadratura e un preciso ruolo nella carriera della Gordon, “Glitterbust” è un lavoro che ti entra dentro per squarciarti le viscere con la facilità di una lama nel burro e che, incredibilmente, ti consente di portare a termine l’ascolto senza eccessiva voglia di skippare da una traccia all’altra. Circostanza che già di suo è davvero un ottimo risultato.

(2016, Burger)

01 Soft Landing
02 Repetitive Differ
03 Erotic Resume
04 The Highline
05 Nude Economics

IN BREVE: 3/5

Emanuele Brunetto
Avvocato mancato, giornalista, programmatore musicale in radio ma soprattutto divoratore compulsivo di musica, presenzialista convinto ai concerti e collezionista incallito di CD e vinili. Fondatore e direttore responsabile de Il Cibicida.