Home RECENSIONI The Wombats – Glitterbug

The Wombats – Glitterbug

glitterbugCon una media di un album pubblicato ogni quattro anni, i Wombats non sono esattamente una delle band più prolifiche in circolazione. Ma, visti i risultati conseguiti, la decisione di badare più alla qualità che alla quantità è apparsa col passare del tempo estremamente saggia. Sia ben chiaro: i ragazzi di Liverpool non sono stati protagonisti nel tempo di chissà quali capolavori, ma il loro percorso di crescita è innegabile, con il loro nuovo lavoro in studio – il più che buono Glitterbug – pronto a testimoniarlo.

Si era già capito tanto durante il loro convincente live milanese di qualche settimana fa, quando l’album era ancora miracolosamente inedito anche sul web. Synth pop patinato e maturo: è questo quello che avevano proposto i Wombats sul palco, ed è questa la chiara impronta del disco. Manca il singolo dall’impatto immediato, ma il livello medio – nonostante qualche pericolosa somiglianza tra alcune canzoni – è decisamente più elevato rispetto al passato. Assoli di chitarra tanto ripetitivi quanto efficaci uniti ad un sintetizzatore martellante rappresentano una costante in parecchie canzoni (Give Me A Try, This Is Not A Party, Be Your Shadow) che raggiungono la piena sufficienza.

Vanno bene anche il garage rock di The English Summer e la spensieratezza di Your Body Is A Weapon, ma il meglio arriva con due brani che innalzano drasticamente il voto dell’album, e rappresentano al meglio la maturità che ha raggiunto la formazione anglo-norvegese. Headspace e Greek Tragedy, con le loro atmosfere meravigliosamente raffinate, sono infatti canzoni capaci di far sognare, miglior manifesto possibile per la chiara (ed efficace) impronta che i Wombats hanno voluto dare a “Glitterbug”, album figlio di una carriera in lenta ma costante ascesa. Per i capolavori c’è tempo, ma intanto con i Wombats ci si diverte.

(2015, 14th Floor / Warner)

01 Emoticons
02 Give Me A Try
03 Greek Tragedy
04 Be Your Shadow
05 Headspace
06 This Is Not A Party
07 Isabel
08 Your Body Is A Weapon
09 The English Summer
10 Pink Lemonade
11 Curveballs

IN BREVE: 3/5

Una malattia cronica chiamata britpop lo affligge dal lontano 1994 e non vuole guarire. Bassista fallito, ma per suonare da headliner a Glastonbury c'è tempo. Nell'attesa lavora come farmacista, quando può viaggia per il mondo verso mete ricercate e scrive con passione per Il Cibicida dal 2009.