Archivio tags

Ulan Bator – Abracadabra

abracadabra

C’è un suono corposo nel nuovo disco degli Ulan Bator. È una specie di brusio malefico e irresistibile che ronza attraverso l’attrito di bassi e cori cattivi. È il sortilegio rock di Abracadabra: un disco dalla scura brillantezza… e non ...

Leggi tutto »

Ulan Bator – Tohu-Bohu

Cos’è questo mondo se non un ordigno di confusione? Relazioni posticce, piattaforme virtuali, sesso di cartapesta, vite plagiate, manipolate, sospese, dittature psicologiche, maquillage politico, maschere, caos. E chi meglio di Amaury Cambuzat può raccontarlo? Partiamo da qui per parlare di Tohu-Bohu. ...

Leggi tutto »

Ulan Bator – Soleils

Il massacro non ha ucciso gli Ulan Bator. Al contrario li ha resi immuni alla morte, all’abbandono eccellente di Olivier Manchion, alle sortite di Amaury Cambuzat in territorio Faust (una sorta di stargate artistica), alla disintegrazione del mercato discografico. Immaginiamoceli allora ...

Leggi tutto »