Home RECENSIONI Garbage – Strange Little Birds

Garbage – Strange Little Birds

strangelittlebirdsOltre vent’anni di carriera, un totale di sei lavori in studio compreso quest’ultimo Strange Little Birds, una manciata di singoli dall’impatto immediato e, soprattutto, il personaggio che Shirley Manson ha saputo creare e ben interpretare così a lungo. In fondo sta tutta qui l’essenza dei Garbage, una formazione che non ha mai brillato più di tanto ma che il compitino l’ha sempre svolto con regolarità.

Una regolarità che, con un pizzico di cattiveria, potrebbe anche essere letta come ripetitività: la formula dei Garbage, infatti, anche in questo 2016 non si sposta di una virgola dalle certezze che la band ha saputo dare/darsi nel corso degli anni, finendo con l’essere un po’ una gabbia. Dorata, vista la risposta di un pubblico fatto per lo più da fedelissimi, ma pur sempre di gabbia trattasi. Ascolti Empty, primo singolo estratto dal disco, e la sensazione di déjà vu si fa secondo dopo secondo sempre più forte, prendi If I Lost You e ritrovi il carattere più cinematico della band, c’è la ballata Night Drive Loneliness e non manca neanche un certo mood metallico con Blackout e Magnetized. Insomma, ogni cosa staticamente al suo posto.

Stesso discorso per le subitanee esplosioni chitarristiche (vedi We Never Tell), ormai marchio di fabbrico dei Garbage, così come per le lyrics, incentrate come di consueto su immagini piuttosto scure. C’è un po’ più d’elettronica del solito in “Strange Little Birds”, questo sì, con certe basi che però sanno tanto di furbo tentativo di restare al passo coi tempi più che di reale convinzione nel tentare qualcosa di nuovo.

Reduci dei gloriosi Novanta che non sono mai riusciti a uscire completamente dal proprio decennio di riferimento, i Garbage continuano per la loro strada come quei soldati nascosti nella foresta cui nessuno ha fatto sapere che la guerra è finita. Un bene? Un male? Noi una telefonatina d’avvertimento gliela faremmo.

(2016, Stunvolume / PIAS)

01 Sometimes
02 Empty
03 Blackout
04 If I Lost You
05 Night Drive Loneliness
06 Even Though Our Love Is Doomed
07 Magnetized
08 We Never Tell
09 So We Can Stay Alive
10 Teaching Little Fingers To Play
11 Amends

IN BREVE: 2,5/5

Avvocato mancato, giornalista, programmatore musicale in radio ma soprattutto divoratore compulsivo di musica, presenzialista convinto ai concerti e collezionista incallito di vinili, CD e musicassette. Fondatore e direttore responsabile de Il Cibicida.