Home RECENSIONI Massive Attack – Ritual Spirit EP

Massive Attack – Ritual Spirit EP

ritualspiritIl nuovo album, in lavorazione ormai da tre anni, dovrebbe arrivare entro il 2016 salvo ulteriori slittamenti. Con Ritual Spirit i Massive Attack danno un assaggio dell’evoluzione in corso e lasciano ipotizzare scenari interessanti. Solo quattro brani, abbastanza però per desumere dove il duo di Bristol andrà a parare stavolta.

Mantenendo fede alla propria anima notturna, il percorso di ricerca di 3D e Daddy G si arricchisce del gergo delle recenti derive hip hop, gli arrangiamenti sono asciutti e scarni e c’è una crudeltà strisciante tra questi solchi.

Il tribalismo metropolitano di Dead Editors e Voodoo In My Blood volge lo sguardo al trap, mentre la voce di Azekel forgia una dolente litania nell’affascinante title track. La vera chicca però è alla fine, l’ostinato delay del pianoforte introduce 3D e Tricky che tornano a duettare a ventidue anni di distanza da “Karmacoma”: Take It There serpeggia nel buio per dissolversi nei recessi più oscuri del sonno.

In primavera è atteso un secondo EP scritto e co-prodotto da Daddy G, sembra che i tempi per un altro grande album siano ormai maturi.

(2016, Virgin)

01 Dead Editors (feat. Roots Manuva)
02 Ritual Spirit (feat. Azekel)
03 Voodoo In My Blood (feat. Young Fathers)
04 Take It There (feat. Tricky)

IN BREVE: 3,5/5

Starnazza dietro il microfono per la sua band stoner, gli Jussipussi, e spiccherà presto il decollo col suo progetto solista Blackwhale. Sfornella per il suo blog culinario Uomo Senza Tonno e bazzica su Il Cibicida dal 2006.