Home RECENSIONI Matt Elliott – The Calm Before

Matt Elliott – The Calm Before

thecalmbeforeMatt Elliott è patrimonio dell’umanità. Un cantautore che ha assimilato e sviluppato negli anni uno stile unico, colmo di contaminazioni, sorprendentemente trasversale. Dalla sua chitarra si promanano echi europei, statunitensi, sudamericani, africani, arabi. Dalla sua voce, incredibilmente riconoscibile, giunge costante, sotto forme differenti, lo stesso meraviglioso bagliore di un’oscurità necessariamente portata allo scoperto.

The Calm Before, suo settimo disco in studio, non è semplicemente una delle opere più ispirate (difficile scegliere, in effetti) del songwriter originario di Bristol: è fuor d’ogni dubbio una tra le migliori dell’anno, e tale resterà sino alla fine. Si comincia con un opener strumentale, A Beginning, per giungere subito alla meravigliosa title track: capolavoro assoluto che Matt porta già in tour da mesi, lontano dai veleni di “The Broken Man” e “Only Myocardial Infarction Can Break Your Heart”, disperato e dolcissimo.

La spietata, morbidissima cavalcata di I Only Wanted To Give You Everything è un saggio perfetto sulla consapevolezza raggiunta nel corso degli anni da Elliott: la sua personalissima elaborazione d’un lutto che lo ha condotto dalla trilogia delle “Songs” a questo nuovo, impressionante percorso. Abbandonate le voci di una fantasmagorica pena de l’alma, si passa per gradi al commovente, lunghissimo abbraccio di The Allegory Of The Cave: chiosa struggente per uno storm che si agita solo nel cuore.

Scenografico e singolare come pochi, il marchio di fabbrica impresso su “The Calm Before” rappresenta con certezza un cosiddetto career-high, chiedendo un prestito al gergo sportivo. La summa perfetta di un lavoro di edificazione sonora lungo ormai tredici anni: l’ennesima, grandissima conferma di un autore che non ha mai sbagliato un colpo in carriera. Non resta che togliersi il cappello e inchinarsi, dinanzi a Matt Elliott: cavaliere oscuro del songwriting globale, addomesticatore di tempeste. Eternauta.

(2016, Ici d’Ailleurs)

01 A Beginning
02 The Calm Before
03 The Feast Of St. Stephen
04 I Only Wanted To Give You Everything
05 Wings & Crown
06 The Allegory Of The Cave

IN BREVE: 4,5/5

Michele Leonardi è nato. Vive, persino; da qualche parte. Per il resto, si affida momentaneamente a Sereni: “Nulla nessuno in nessun luogo mai”.