Pond – The Weather

È da tempo diventata stucchevole la pantomima per cui ogni volta che esce un nuovo disco dei Pond bisogna citare i Tame Impala di Kevin Parker. È stucchevole, generalmente, perché il collegamento esiste e la mu...

Gorillaz – Humanz

Ormai ci siamo abituati alla routine dei Gorillaz: qualche annetto di silenzio, poi comincia a trapelare qualche notizia di Damon Albarn e Jamie Hewlett pronti a fare qualcosa di nuovo, l’hype inizia a montare,...

Goldfrapp – Silver Eye

Alison Goldfrapp e Will Gregory non sono mai stati famosi per ripetersi. Seppur con la costante presenza di un’abbuffata di sintetizzatori, il duo londinese ha sempre avuto modo di proporre atmosfere e suoni di...

Jarvis Cocker & Chilly Gonzales – Room 29

Lo Chateau Marmont Hotel sul Sunset Boulevard di Los Angeles è uno degli hotel piú famosi nella storia, e ancor piú nella storia del rock. Da Morrison ai Led Zeppelin a Belushi, è difficile trovarne uno più...

Jamiroquai – Automaton

La vita è strana, a volte, soprattutto nelle piccole cose. Ad esempio, stamattina, prima di cimentarmi in un conclusivo ascolto di Automaton al fine di scriverne su queste pagine, ho attaccato, come quasi ogni ...

Crystal Fairy – S/T

Dal 2010, con “The Bride Screamed Murder”, King Buzzo e Dale Crover hanno proposto tutto ed il contrario di tutto, e perdonateci se siamo noiosi nel fare un riassunto: un album con Trevor Dunn (Melvins Lite); u...

Thundercat – Drunk

Sta diventando veramente difficile giudicare i dischi periodicamente pubblicati da quella stravagante congrega di eccellenti musicisti che, da qualche anno a questa parte, sforna lavori eccezionali a ritmo pres...

Elbow – Little Fictions

Dopo l’acuto (perlomeno commerciale) di “The Seldom Seen Kid”, al gruppo inglese capitanato da Guy Garvey è andato benissimo vivacchiare. Offrire un prodotto affidabile, apprezzato dalla critica e con un discre...

Miles Mosley – Uprising

La West Coast Get Down sta cominciando ad avere un impatto serio sulla musica Americana, e di conseguenza su quella mondiale. Che diavolo è la West Coast Get Down, potrebbero chiedersi in molti? È un gruppo di ...

Cloud Nothings – Life Without Sound

Si può dire molto dei Cloud Nothings di Dylan Baldi, ma di certo non che siano ripetitivi. Si muovono all’interno di uno spazio musicale non particolarmente ampio, è vero; ma, all’interno di quello scibile, cer...

Ty Segall – S/T

C’è stato un tempo in cui era James Brown l’hardest working man in show business. Un po’ dopo, era il prolifico folletto di Minneapolis, Minnesota a produrre quantità abnormi di dischi ogni anno. Uomini partico...

Frank Carter & The Rattlesnakes – Modern Ruin

Periodicamente spunta un qualche articolo che annuncia la morte del rock (poi ne spunta qualche altro che riferisce che è rinato, presentando come prova patetiche band alla moda) e, pensandoci, si può conco...

Mick Harvey – Intoxicated Women

Quarto capitolo della ventennale saga di album in tributo a Serge Gainsburg, Intoxicated Women si concentra – come si evince dal titolo, gioco di parole sulla canzone di Gainsbourg “Intoxicated Men”, che dava i...

AFI – AFI (The Blood Album)

Il giorno in cui definire un genere musicale “emo” mutò il suo significato dalla scena di Washington, DC (Rites Of Spring, Embrace) per qualificare una sorta di punk rock scritto col culo e affine per temi agli...