Alexander Tucker – Guild Of The Asbestos Weaver

Con "Don't Look Away" (2018) Alexander Tucker aveva chiuso la trilogia cominciata con "Dorwytch" nel 2011 e proseguita poi con "Third Mouth" nel 2012. Il disco mostrava uno stile rinnovato e una proposta più di...

Loscil – Equivalents

Sul piano puramente concettuale, ma anticipandone così i contenuti per quello che riguarda le musiche, il nuovo album Scott Morgan aka Loscil ci dice tutto già dalla copertina: una fotografia in bianco e nero d...

Ty Segall – First Taste

Ty Segall ha un carattere particolare. Intanto, secondo me non è vero che non si prende troppo sul serio: nel suo caso la musica è principalmente una passione e un divertimento, poi certo, è anche un lavoro, ma...

Tony Molina – Songs From San Mateo County

Tony Molina ha scelto una sua strada ed evidentemente intende percorrerla fino in fondo: certo, questo disco è una raccolta di registrazioni inedite, specificamente risalenti al periodo compreso tra il 2009 e i...

Sarathy Korwar – More Arriving

Magari qualcuno a questo punto potrebbe considerarlo un esercizio di retorica, ma ribadire che viviamo in tempi in cui si alzano barriere, con risvolti anche drammatici per le persone più deboli che costituisco...

Flaming Lips – King’s Mouth

Di solito non sono prodigo di complimenti ed elogi per Wayne Coyne e i Flaming Lips. Certo riconosco loro una certa genialità, ma non hanno un posto di rilievo nella storia della musica rock psichedelica e in g...

Jordan Rakei – Origin

Questo ragazzo ha chiaramente delle grandi qualità artistiche e, lo diciamo chiaramente, meriterebbe un riconoscimento maggiore di quello che gli viene generalmente tributato, soprattutto se lo paragoniamo a no...

Black Pumas – S/T

Qualcuno ha scritto che è come se Sam Cooke e Neil Young facessero parte del Wu-Tang Clan. Una definizione sicuramente suggestiva e efficace sul piano espressivo, ma che può lasciare il tempo che trova nel desc...

Titus Andronicus – An Obelisk

Per la verità "A Productive Cough" (2018) mi era piaciuto e lo stesso si può dire a buona ragione del successivo EP "Home Alone On Halloween" (2018), facendomi in buona sostanza rivalutare un gruppo che, pur se...

Black Midi – Schlagenheim

Mi sbilancio: forse nel Regno Unito una band così non si è mai vista. Va detto in verità che di gruppi così e così bravi non è che ce ne siano tanti in circolazione e che per una volta la definizione di "next b...

Vanishing Twin – The Age Of Immunology

Secondo LP del progetto Vanishing Twin della vocalist Cathy Lucas (Innerspace Orchestra), ensemble completato dalla batterista Valentina Magaletti e il bassista Susumu Mukai con la partnership di Phil M.F.U. e ...

House And Land – Across The Field

C'è un'epica in questo disco che affonda le sue radici nella tradizione celtica, poi trapiantata negli Stati Uniti d'America dov’è diventata nota come musica degli Appalachi, congiungendo la sua matrice Nord-Eu...

Park Jiha – Philos

Park Jiha è una delle artiste più brave in circolazione e con questo secondo album si afferma come qualcosa che supera ampiamente le suggestioni esotiche, giustamente suggerite qui in Occidente dalle sfumature ...

Chris Brokaw – End Of The Night

Questo disco di Chris Brokaw è come una ventata d'aria fresca, ha la stessa naturalezza e lo stesso contenuto forte sul piano emotivo dei suoi album solisti e  che si porta dietro come caratteristica con quello...

Mike Donovan – Exurbian Quonset

Assunto che Ty Segall e John Dwyer (Oh Sees) siano i due fondamentali della garage psichedelia degli ultimi anni, con il primo in particolare assunto al ruolo di icona (dico in maniera spregiudicata che, con le...