RECENSIONI

Unknown Mortal Orchestra – Sex & Food

Portland, Berlin, Mexico City, Hanoi, South Korea, Auckland e Reykjavik. No, non sono date del tour prossimo venturo, sono invece le numerose città do...

Eels – The Deconstruction

Immaginate Mr. E. non come il componente di una band, un artista, o tantomeno una persona: se Mark Everett fosse una strategia di marketing digitale, ...

Maria Antonietta – Deluderti

Letizia Cesarini, in arte Maria Antonietta, ha pubblicato solo tre album ma è già pienamente inserita nella realtà della musica indipendente nostrana....

The Vaccines – Combat Sports

Giunti al quarto episodio di una carriera piena di momenti piacevoli ma tutto sommato trascurabile, a questo giro gli inglesi Vaccines hanno deciso di...

The Voidz – Virtue

Virtue è l’album che non ti aspetti, un “futuristic prison jazz” come lo definisce Julian Casablancas voce dei The Voidz, che vede la luce a più di tr...

Moaning – S/T

Il gorgo del revival post punk/new wave invade spessissimo i nostri ascolti annuali con formazioni dalla dubbia personalità che si somigliano un po’ t...

Frankie Cosmos – Vessel

Vi capita mai di ritrovarvi assorbiti in voi stessi? Incastrati nei vostri pensieri e sovrappensiero per qualche secondo. La testa si china di lato e ...

Yakamoto Kotzuga – Slowly Fading

Creare la colonna sonora della sfida eterna tra essere umano e temporalità. Questo sembra l’intento del veneziano Giacomo Mazzucato, in arte Yakamoto ...

Indianizer – Zenith

Anche queste prossime vacanze pasquali le passerete al parco, a fare il bagno nella piscina comunale e le grigliate sul balcone perché non sapete gest...

The Messthetics – S/T

La sezione ritmica formata da Joe Lally al basso e Brendan Canty alla batteria è di certo una delle più riconoscibili della storia del rock. Chi ha av...

The Decemberists – I’ll Be Your Girl

“Oh, for once in my life, could just something go right?”, canta Colin Meloy in Once In My Life, brano di apertura di I'll Be Your Girl, ottavo album ...